Mobbing e “sorrisi” – la storia aperta di Franco Bagnasco


8 Commenti

  1. Penso che qualsiasi cosa quest'uomo abbia fatto, bella o brutta che sia, abbia diritto ad una risposta!!! Che tristezza…

    Rispondi
  2. … ma il "link" che accenni al finale… dove lo hai piazzato??????????????

    Rispondi
  3. sono sbalordita che tu abbia aperti questo argomento…ce un omertà da fare paura..io lo sto vivendo da sei lunghi anni.. ho fatto di tutto..avvocati sindacati…prove inconfutabili…ho di tutto…ma mi sento dire che il mobbing è difficile da dimostrare…nn sn più persona vivo nell angoscia più profonda….vi prego
    ..suggeritemi voi come posso uscirne fuori..

    Rispondi
  4. Conplimenti !!! Gris , un tema molto diviso in una società avanzata !!! Ma di avanzato c'è solo la tecnologia il cervello umano regredisce , i valori umani non esistono cancellati ….

    Rispondi
  5. complimenti Criss. ..grandissimo problema purtroppo affrontato da te in maniera degna…ancora complimenti. .

    Rispondi
  6. ANNA DAGRADA

    È una vergogna, qualcosa di scandaloso: soprattutto se si pensa che Vitali, il direttore che fa mobbing è a capo di giornali come Sorrisi e canzoni e Il mio Papa. Si può essere così squallidi? Non c’è più rispetto per le persone e per il talento.

    Rispondi
  7. Il mobbing è la cosa peggiore che si possa subire, una forma di annientamento che mina gravemente la salute. Ne so qualcosa: tutta la mia solidarietà al signor Bagnasco e scarso rispetto per chi consente a questo Vitali di comportarsi in questo modo. CHE SCHIFO DI PAESE!!!

    Rispondi

Inserisci commento